• it
  • en
  • fr
  • de
  • es

Casinò di Sanremo

Corso degli Inglesi 18 Sanremo (IM)

Imperiosamente posizionato in cima a una lunga scalinata di fronte alla vecchia stazione ferroviaria, il bianco palazzo del casinò di Sanremo non solo spadroneggia su tutto il centro città, ma è anche il fulcro della vita notturna locale.

Nonostante gli oltre cento anni di vita, il casinò è riuscito a mantenere intatto il fascino che lo ha sempre distinto negli anni. Gli arredi eleganti delle splendide sale che compongono l’edificio offrono alla clientela un ambiente raffinato dove trascorrere ore indimenticabili, tra le tante attrattive, che, come vedremo, nono si limitano al solo gioco d’azzardo.

Il Casino Municipale di Sanremo è attivo dal 1905, anno in cui furono ultimati i lavori per la costruzione del palazzo progettato dall’architetto francese Eugene Ferret. L’imponente edificio bianco che ospita il casinò è un illustre esempio dell’architettura della Belle Epoque;
il palazzo presenta chiari elementi Liberty e decorazioni Neobarocche. Nei primissimi anni di vita le sale del nuovo edificio erano adibite a feste e ricevimenti che raccoglievano i personaggi più illustri della nobiltà europea.

Solo più tardi fecero la loro comparsa i primi tavoli verdi e i giochi d’azzardo più in voga nella prima metà del XX secolo, quali poker, chemin de fer e roulette. Il crescente successo delle slot machines, a partire dagli anni ’20, contribuì non poco alla notorietà del casinò sanremese che divenne uno dei punti riferimento per i giocatori d’azzardo di tutta Europa.

Velocemente la fama del casinò si estese a livello planetario: cifre da capogiro vedevano protagonisti i tavoli sanremesi, ai quali sedevano personaggi del calibro di Vittorio de Sica e del re d’Egitto Farouk. Le cronache mondane riportavano le vincite e le perdite di quella cerchia di amanti delle forti emozioni, che solo il gioco d’azzardo può dare.

Nel corso degli anni la clientela è cambiata, ai giocatori “professionisti” di un tempo si sono sostituiti gli occasionali che oggi affollano le sale del casinò.Anche la storia del Festival di Sanremo è indissolubilmente legata a quella del Casinò, che ospitò la manifestazione canora dal 1951 (prima edizione) al 1976, quando fu trasferita al Teatro Ariston di Corso Matteotti.

Oltre al gioco, infatti, la formula di gestione adottata dal casinò di Sanremo prevede anche numerosi eventi culturali, tra i quali una entusiasmante stagione teatrale.